Questo sito contribuisce alla audience di

Olah, Franz

uomo politico austriaco (Vienna 1910). Militante socialista dopo la prima guerra mondiale, recluso nei Lagernazisti dal 1938 al 1945, divenne presidente dei sindacati e del Parlamento (1959), quindi ministro dell'Interno (1963). Spesso in contrasto con gli altri dirigenti socialisti, venne espulso dalla SPÖ (Sozialistische Partei Osterreichs) nel 1964, perdendo ogni carica, e nel 1969 venne condannato in tribunale per un clamoroso scandalo finanziario. Il suo nuovo Partito democratico-progressista, fondato nel 1965, ebbe scarsa fortuna elettorale.

Media


Non sono presenti media correlati