Questo sito contribuisce alla audience di

Ornavasso

comune nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola (18 km da Verbania), 215 m s.m., 25,87 km², 3231 ab. (ornavassesi), patrono: san Nicola (6 dicembre).

Centro situato alla destra del fiume Toce, nell'ampio fondovalle della val d'Ossola. Nel territorio è stata ritrovata una necropoli con importanti reperti del periodo di transizione tra la civiltà ligure e la romana. Nel sec. XIII fu popolato da coloni walser, emigrati dal Vallese, che lo chiamarono Ort an Wasser, ossia “luogo sull'acqua”. Nel Medioevo appartenne ai signori di Crusinallo che lo cedettero ai Visconti. Seguì poi le vicende dell'Ossola inferiore.§ Il borgo ha un impianto caratteristico, con vie strettissime costeggiate da muri in pietra e case dai tetti in pietra, ed è dominato dalla parrocchiale di San Nicola (sec. XVI) con un alto campanile cuspidato.§ L'industria opera nei settori tessile, alimentare, dell'estrazione e lavorazione di granito e serizzo, della lavorazione del legno (imballaggi e carpenterie), dei serramenti, della meccanica di precisione e dell'utensileria. L'agricoltura produce cereali, ortaggi e foraggi per l'allevamento; diffusa è la pioppicoltura. Notevole importanza ha il turismo escursionistico.§ Nei dintorni sorge il santuario della Madonna del Boden, con più di duemila ex voto, e rimangono tratti della Linea Cadorna, complesso di fortificazioni militari risalenti alla prima guerra mondiale.

Media


Non sono presenti media correlati