Questo sito contribuisce alla audience di

Oxìlia, Nino

commediografo italiano (Torino 1889-Monte Tomba 1917). Poeta di intonazione crepuscolare (Gli Orti, postuma, 1918), soggettista e regista cinematografico (Veli di giovinezza, Rapsodia satanica, Sangue blu), ha legato il suo nome, insieme con quello di S. Camasio, a una delle commedie più fortunate di questo secolo, scritta originariamente in dialetto piemontese, ma rappresentatissima in versione italiana, ridotta in operetta (G. Pietri) e, più volte, in film: Addio, giovinezza! (1911).

Media


Non sono presenti media correlati