Questo sito contribuisce alla audience di

Pìncherle, Salvatóre

matematico italiano (Trieste 1853-Bologna 1936). Professore nelle università di Pavia e di Bologna, fondò l'Unione matematica italiana. Fu, con V. Volterra, tra i precursori e fondatori del moderno calcolo funzionale; elaborò la teoria delle operazioni distributive e la loro applicazione all'analisi. Notevoli i suoi studi sulle funzioni analitiche svolti nell'indirizzo di K. Weierstrass, del quale fu allievo.

Teorema di Pincherle

(o teorema di Heine-Pincherle-Borel) che, presi su una retta un segmento a e un insieme infinito numerabile S di segmenti in modo tale che ogni punto di a sia interno ad almeno un segmento di S, allora esiste un insieme finito di segmenti di S tali che ogni punto di a sia interno ad almeno uno di essi. L'ipotesi che l'insieme S sia numerabile fu riconosciuta non essenziale da H. Lebesgue. Il teorema è stato successivamente generalizzato nell'ipotesi più ampia che si sostituisca al segmento a un insieme chiuso e limitato qualsiasi di punti della retta. Ulteriori generalizzazioni riguardano l'estensione a insiemi chiusi di spazi metrici o, addirittura, topologici.