Questo sito contribuisce alla audience di

Pìscopo, Pandolfèllo, detto Alòpo

gran siniscalco (m. Napoli 1415). Fu uno dei favoriti di Giovanna II, regina di Napoli, che, rimasta vedova di Guglielmo d'Asburgo e succeduta al fratello Ladislao, gli conferì la carica di gran siniscalco (1414), facendone l'arbitro della vita politica e del governo del regno. Cadde dopo poco tempo in disgrazia, quando la sovrana sposò Giacomo di Borbone, per ordine del quale venne fatto decapitare.