Questo sito contribuisce alla audience di

Pòrta, Antònio (poeta e narratore)

pseudonimo del poeta e narratore italiano Leo Paolazzi (Milano 1935-Roma 1989). Direttore editoriale, presenza vivacissima della scena culturale italiana, esordì nell'ambito dello sperimentalismo degli anni Sessanta. Inserito nell'antologia I Novissimi (1961, 1965), fece parte del Gruppo 63. Redattore del Verri e di Malebolge, fu tra i fondatori della rivista Quindici e membro della direzione di Alfabeta. La sua poesia, sempre in cerca di nuove forme espressive, si caratterizza per un forte nucleo vitale, per un'energia inquieta sempre in cerca di stimoli costruttivi. Tra le sue raccolte ricordiamo I rapporti (1966), Week end (1974), Quanto ho da dirvi. Poesie 1958-1975 (1977), Passi passaggi (1980), Invasioni (1984). Le sue sperimentazioni hanno investito con forza anche la narrativa. Ricordiamo i romanzi Partita (1967) e Il re del magazzino (1978), i racconti L'astromostro (1980), Se tutto fosse un tradimento (1981). Curatore dell'antologia Poesia degli anni Settanta, ha anche pubblicato l'interessante autoantologia commentata Nel fare poesia (1985), e nel 1991 è apparsa postuma una raccolta di suoi interventi sulla poesia dal titolo Il progetto infinito. Postuma è stata pubblicata anche la raccolta di poesie Yellow (2002).

Media


Non sono presenti media correlati