Questo sito contribuisce alla audience di

Pa-ta Shan-jēn

nome con cui firmava le opere il pittore cinese Chu Ta (Nanch'ang, Kiangsu, 1625/26-dopo il 1705). Spirito individualista (prima della caduta della dinastia Ming si fece monaco buddhista), contribuì con altri artisti di questa tendenza a vitalizzare la pittura cinese attraverso l'ispirazione agli stili tradizionali dell'arte dei Sung meridionali. Temi della sua pittura, ora dolce e meditativa, ora aspra e nervosa, furono gli animali (uccelli, pesci, ecc.) e il paesaggio. Dipinse per la maggior parte opere a inchiostro di vigorosa impostazione formale e di sapiente qualità espressiva, mostrandosi eccezionalmente esperto nella tecnica dell'inchiostro diluito, reso in modo ora morbido e delicato, ora secco e di intensa vitalità. Tra le sue opere si ricordano Due aquile (New York, collezione privata) e Paesaggio (Parigi, Musée Guimet).

Collegamenti