Questo sito contribuisce alla audience di

Paasilinna, Arto

scrittore finlandese (Kittilä 1942). Trascorsa gran parte della giovinezza in un villaggio della Lapponia, ha tratto ispirazione, come narratore, dalla sua esperienza di giovane boscaiolo, a contatto con la natura impervia e incontaminata delle zone a ridosso del Circolo polare artico. Dopo aver cominciato la carriera giornalistica, si è dedicato alla letteratura esordendo nel 1972 con Operazione Finlandia. La sua narrativa è caratterizzata da una vena comica, espressa in vicende di genere sostanzialmente picaresco: i protagonisti delle storie di Paasilinna si trovano spesso in situazioni avventurose e nello stesso tempo esilaranti, ma talvolta anche immersi in realtà tragiche come la malattia mentale e la morte. Con L’anno della lepre e Il bosco delle volpi, entrambi pubblicati nel 1975, Paasilinna è riuscito a rappresentare il fascino irresistibile della natura nordica, tema ripreso anche nel successivo Il mugnaio urlante (1981). Il figlio del dio del tuono (1984) e Lo smemorato di Tapioca (1991) sono invece un graffiante attacco alle consuetudini della società occidentale e un invito a fuggire dalla mediocrità cittadina. Nel 2003 è uscito I veleni della dolce Linnea, mentre nel 2006 è uscito Piccoli suicidi tra amici, occasione per una riflessione feroce sul tema del suicidio, molto sentito in Finlandia.

Collegamenti