Questo sito contribuisce alla audience di

Pacùvio, Giùlio

pseudonimo del regista teatrale italiano G. Puppo (Genova 1910-Roma 1963). Svolse intensa attività dal 1937 mettendo in scena per la prima volta in Italia Assassinio nella cattedrale di T. S. Eliot, Il lutto si addice a Elettra di O'Neill e Il processo di Kafka-Gide-Barrault. Fu anche critico, traduttore di testi classici e scenografo, soprattutto negli anni giovanili.