Questo sito contribuisce alla audience di

Palèstro, battàglia di-

battaglia combattuta nei pressi di Palestro il 30 maggio 1859 , durante la II guerra di indipendenza. Il 29 maggio del 1859 l'esercito sardo, ricevuto l'ordine di passare il fiume Sesia per coprire il movimento aggirante dell'esercito francese che si spostava verso Novara, riuscì a conquistare Palestro dopo una serie di scontri furiosi e a mettere in fuga gli Austriaci del generale Zobel in direzione di Robbio. Il giorno successivo un contrattacco nemico costrinse però i Piemontesi, rinforzati dagli zuavi francesi del colonnello Chambron, a tre distinti combattimenti a est e a sud-est di Palestro e a sud-est di Confienza; in seguito a questi scontri gli Austriaci, completamente sconfitti, dovettero ritirarsi verso il Ticino. Alla battaglia di Palestro prese parte attiva Vittorio Emanuele II di Savoia che si trovò tra i bersaglieri e gli zuavi alla conquista di 4 pezzi di artiglieria nemica. Le perdite complessive delle due giornate di lotta furono, tra morti, feriti e prigionieri, 718 per i Piemontesi, 295 per i Francesi e 2588 per gli Austriaci.

Media

Battaglia di Palestro