Questo sito contribuisce alla audience di

Pamplona (Spagna)

Guarda l'indice

capoluogo della provincia e della comunità autonoma di Navarra (Spagna), 449 m s.m., 193.328 ab. (stima 2005).

Generalità

Città della Spagna, sul fiume Arga, sul versante meridionale dei Pirenei. La parte più antica, tipicamente medievale, è ancora parzialmente circondata dai resti della cinta muraria, mentre quella moderna ha un tracciato ampio e regolare, con ampi spazi verdi e giardini. Vi ha sede la prestigiosa Università di Navarra, con 20 facoltà e una clinica universitaria; un'altra università, privata è stata fondata dall'Opus Dei. Anche Pampeluna e Iruña.

Storia

Fondata, pare, da Pompeo nel 75 a. C., durante la guerra contro Sertorio, avrebbe preso il nome da lui (Pompaelo, nella forma primitiva). Il re visigoto Eurico la prese nel 466 ca.; poi fu dei Franchi e dei musulmani (inizi sec. VIII). Carlo Magno ne distrusse le mura, tornando dalla spedizione contro Saragozza (778), fatto ricordato dalla primitiva epica francese (La prise de Pampelune). La dinastia locale dei Banu Qasi (fine sec. VIII) cedette presto il potere a quella degli Arista; e da questo momento la storia di Pamplona diventa quella del regno di Navarra, accanitamente e a lungo disputato tra Francia e Spagna, finché non divenne definitivamente spagnolo (1521), pur conservando varie forme di autonomia locale. La città fu ancora francese dal 1808 al 1813 e figurò poi nella storia delle guerre carliste, anche se i carlisti non riuscirono mai a prenderla. Nel 1936 aderì con entusiasmo alla sollevazione franchista.

Arte

Il monumento cittadino più significativo è la cattedrale gotica (1397-1525), costruita su un preesistente edificio romanico, con facciata del sec. XVIII. All'interno si trovano varie statue, altari e sepolcri dei sec. XV-XVI, tra cui la tomba di Carlo il Nobile, opera di J. de Lomme (1416). La chiesa di S. Saturnino è probabilmente la più antica chiesa gotica della Navarra. Notevoli anche il municipio, con facciata barocca, e alcune fontane settecentesche. Pamplona ospita il Museo della Navarra, con collezioni preistoriche, mosaici romani e pitture murali gotiche provenienti dalla città, da Olite, Artaiz ecc.

Economia

È il più importante centro finanziario, amministrativo e commerciale della Navarra e sede di industrie meccaniche, chimiche, conciarie, alimentari, grafiche, della carta, tessili e dell'abbigliamento.

Curiosità

A Pamplona si celebra ogni anno, dal 6 al 15 luglio, la Feria di San Fermin o Sanfermines, caratterizzata da musica, balli e, soprattutto, dalle corse dei tori, durante le quali si svolge la prova dell'encierro, che consiste nello slanciarsi davanti ai tori liberati per le strette strade della città medievale, in un percorso lungo 825 m. L'atmosfera gioiosa si replica, con la medesima commistione di sacro e profano, il 29 novembre, festa del patrono della città, San Saturnino.