Questo sito contribuisce alla audience di

Panciàtichi, Lorènzo

linguista e poeta burlesco italiano (Firenze 1635-1676). Fu gentiluomo di palazzo del granduca di Toscana e accademico della Crusca, per la quale esordì con una Cicalata in lode della padella e della frittura. Collaborò alla terza edizione del Vocabolario della Crusca (1691) e, ispirandosi ai poeti quattrocenteschi e ai canti carnascialeschi, scrisse tra l'altro un Ditirambo a un bevitore assai brillo (1657), il Ditirambo d'uno che per febbre deliri (1659) e la Controcicalata alla cicalata sulla lingua ionadattica. Morì suicida, forse per il timore d'essere accusato di eresia.