Questo sito contribuisce alla audience di

Pentameróne

titolo tardo de Lo cunto de li cunti overo Lo trattenemiento de' peccerille, raccolta di 50 fiabe, distribuite in 5 giornate, in dialetto napoletano, di G. Basile (postuma, 1634-36). Fin dal titolo si sottolinea una contrapposizione al Decameron del Boccaccio, che si manifesta sia nel contenuto, sia nello spirito informatore dell'opera. Il materiale novellistico si ricollega alla narrativa favolistica delle Mille e una notte e di altre fiabe orientali. D'altra parte, mentre nel Boccaccio l'uomo trionfa sulla fortuna con le risorse della sua intelligenza, nel Basile l'uomo è incapace di dominare la realtà, i cui simboli sono l'imprevisto e l'assurdo: ne deriva un sentimento tipicamente barocco della metamorfosi, per cui ogni cosa smarrisce il suo aspetto consueto e il realismo locale si dissolve nella più sbrigliata libertà della fantasia. Col titolo Pentamerone è assai nota la traduzione di B. Croce.

Media


Non sono presenti media correlati