Questo sito contribuisce alla audience di

Perìn o Pierìn del Vaga, Piètro Bonaccórsi, detto-

pittore italiano (Firenze 1501-Roma 1547). Dopo una prima formazione fiorentina, si trasferì a Roma (ca. 1515), dove entrò nella cerchia raffaellesca, collaborando alla decorazione delle Logge vaticane e rivelando fin dalle prime opere autonome (affreschi del salone di palazzo Baldassini) una personalità estrosa e inquieta, già distaccata dal classicismo ortodosso. Tali caratteri si accentuarono per i contatti mantenuti dall'artista con l'ambiente del primo manierismo fiorentino (nel 1522-23 a Firenze conobbe il Rosso e il Pontormo), di cui si fece mediatore a Roma, prima di lasciare la città nel 1527 per entrare al servizio del principe Andrea Doria a Genova. La decorazione di palazzo Doria (Trionfi, Eroi, Caduta dei Giganti) resta un testo fondamentale per la diffusione del manierismo dell'Italia settentrionale e uno dei risultati maggiori dello stile elegante ed estroso del pittore. Tornato a Roma nel 1538, Perin godette di notevole favore presso la corte papale (affreschi della Sala Paolina in Castel Sant'Angelo, ecc.), dimostrandosi aperto ad accogliere le suggestioni del manierismo romano, sempre con notevoli capacità di risultati autonomi e originali.