Questo sito contribuisce alla audience di

Perbosc, Antonin

poeta francese di lingua occitanica (Labarthe, Tarn-et-Garonne, 1861-Montauban 1944). Diede impulso alla ripresa culturale occitanica dell'epoca postfelibrista, rinnovando la lingua e creando intorno a sé una scuola poetica. Poeta essenzialmente naturalista (Gòt occitan, 1903, La coppa occitanica; L'arada, 1906, L'aratura), attinse per alcune sue opere al dramma della sconfitta albigese tradotta in miti poetici (Remembrança, 1902; Guilhem de Tolosa, 1908) che preludono ai temi folcloristici dell'ultima fase: Las cançons del pòble (1923), Lo libre dels auzels (1924), Lo second libre dels auzels (1930), Fablels calhòls (1936).

Media


Non sono presenti media correlati