Questo sito contribuisce alla audience di

Pescènnio Nigro

(latino Pescenníus Niger Iustus), imperatore romano (135/140-194). Di ceto equestre, fatto senatore dall'imperatore Commodo, nel 188 fu inviato in Gallia per opporsi ai ribelli capeggiati da Materno. Nel 190 rivestì il consolato e l'anno seguente ottenne il governatorato della Siria, dove, in seguito all'assassinio dell'imperatore Pertinace, fu acclamato imperatore dalle sue legioni; ma in Occidente il Senato riconobbe imperatore Settimio Severo, che sconfisse Pescennio Nigro a Isso. Pescennio Nigro, ritiratosi ad Antiochia, cercò di fuggire presso il re dei Parti, ma fu preso e ucciso.