Questo sito contribuisce alla audience di

Petito, Antonio

attore e commediografo italiano (Napoli 1822-1876). Figlio del popolare Salvatore e di Giuseppina Errico, fu scritturato dodicenne come mimo dalla compagnia Marini, dimostrando doti comiche e interpretative. Egli rinnovò la maschera dandole una dimensione umana, poetica, e la rese rappresentativa del popolano napoletano, con un'abile fusione di riso e di amarezza; le stesse qualità egli diede a Pascariello, un secondo Zanni senza maschera che interpretò più volte. Scrisse inoltre, e riadattò in dialetto, testi teatrali, dando vita a una galleria di personaggi prepotentemente umani. Tra le opere più significative si ricordano: So' muorto e m'hanno fatto turnà a nascere, All'unione delle fabbriche, Palumella.