Questo sito contribuisce alla audience di

Peugeot

industria automobilistica francese fondata nel 1810 dai fratelli Jean-Pierre II (Hérimoncourt 1768-1852) e Jean Frédéric (Hérimoncourt 1770-1822) come fonderia. Nel 1885 iniziò la produzione di biciclette, a cui fece seguito quella di automobili. Nel 1897 la società si divise in due tronconi per la produzione di auto e tricicli a motore. Al termine della seconda guerra mondiale esistevano la Peugeot Automobiles, la Peugeot Cycles e la Peugeot & C.ie. Nel 1966 le varie società risultavano raggruppate in una nuova holding, la Peugeot S.A. Nel 1974 la Peugeot assumeva anche il controllo della Citroën e nel 1978 rilevava la Chrysler europea. Nel 1996 concludeva un accordo con il governo cinese per il finanziamento dello sviluppo dello stabilimento di Wuhan. Presente sul mercato automobilistico europeo con una quota del 7,07% (1999) e, in modo rilevante, anche su quelli dell'America Latina (in Argentina nel 1998 il gruppo francese acquisiva il controllo della Sevel Argentina), a partire dal 1998 la Peugeot avviava un progetto ecologico di lotta contro l'effetto serra, impegnando ingenti fondi in una campagna per la “riforestazione” della Amazzonia con l'obiettivo di ricostituire nella zona un ecosistema forestale tropicale.