Questo sito contribuisce alla audience di

Piàggia, Carlo

esploratore italiano (Badia di Cantignano, Lucca, 1827-Carcoggi, Nilo Azzurro, 1882). Recatosi giovanissimo in Africa, prima a Tunisi e poi ad Alessandria, nel 1856-57, partendo da Khartoum, risalì il corso del Nilo fino a Gondokoro. Nel 1860-61, accompagnando Orazio Antinori nell'esplorazione del bacino del Bahr el Ghazal, raggiunse il territorio dei Niam-niam, nel quale più tardi (1863-65) riuscì a penetrare da solo, rimanendovi per un anno. Dopo essere stato col francese A. Raffray al lago Tana (1874-75), esplorò con Romolo Gessi il bacino del lago Alberto e scoprì il lago Capechi, l'attuale Kyoga (1876). Nell'ultimo suo viaggio lungo il Nilo Azzurro, nel tentativo di rintracciare Antonio Cecchi e Giovanni Chiarini, contrasse una malattia mortale.