Questo sito contribuisce alla audience di

Piètro IV (re d'Aragona, III di Catalogna)

re d'Aragona, III di Catalogna, detto il Cerimonioso (Balaguer 1319-Barcellona 1387). Figlio di Alfonso IV il Benigno, gli succedette nel 1336. Continuando con un'abilità del tutto priva di scrupoli la politica mediterranea dei re aragonesi, tolse al cognato Giacomo III le Baleari (1343), intervenne in Sardegna contro i Genovesi alleandosi con Venezia (1353), riprese la Sicilia alla morte del genero Federico III (1377) e sostituì gli Almogavari nei ducati di Atene e Neopatria (1382). Combatté anche contro i re castigliani Pietro I ed Enrico II, ma alla fine preferì la pace con la Castiglia (1375) per poter domare le insurrezioni dei nobili aragonesi e instaurare, anche con rappresaglie crudeli, il potere assoluto nel proprio regno. La stessa accortezza di politico dimostrò sfruttando a proprio vantaggio le vicende del grande Scisma d'Occidente. Fu uomo raffinato e colto (una sua lettera del 1380 contiene il primo elogio che si conosca dell'Acropoli di Atene), poeta e scrittore elegante in volgare e in latino, e molto amante del fasto e dell'etichetta, che regolò con minuziosi ordinamenti (da cui il soprannome di “Cerimonioso”). Gli si devono anche la riorganizzazione dell'Università di Huesca (1354) e un forte impulso alle opere del monastero reale di Poblet.