Questo sito contribuisce alla audience di

Piccardìa

(Picardie). Regione della Francia, 19.400 km², 1.874.601 ab. (stima 2004), 97 ab./km², capoluogo: Amiens. Dipartimenti: Aisne, Oise, Somme. Confini: Nord-Pas-de-Calais (NE), Champagne-Ardenne (E, SE), Île-de-France (S), Normandia (W), canale della Manica (NW).

La Piccardia si estende nel settore settentrionale, del Bacino Parigino, e si presenta morfologicamente come un altopiano poco elevato, inciso dalle valli dei fiumi Somme, Aisne e Oise. Il clima è di tipo oceanico, influenzato dai venti occidentali. La popolazione, in leggero aumento dal 1999, è più numerosa nell'Oise, il dipartimento vicino all'Île-de-France, a causa del decentramento demografico della capitale; il suo capoluogo, Beauvais, dispone di un aeroporto ed è collegata ad Amiens dall'autostrada A16. Le principali risorse economiche sono l'agricoltura (cereali, barbabietole da zucchero, patate, frutta, foraggi), l'allevamento bovino, ovino e suino e la pesca; le industrie (chimiche, elettrotecniche, metalmeccaniche, tessili, alimentari) si concentrano nel capoluogo e nelle città di Saint-Quentin, Beauvais, Laon, Creil, Chantilly, Senlis, Noyon, Compiègne e Soissons. § Abitata da vari popoli Celti, in età romana fu inclusa nella Gallia Belgica. Il nome, di incerta derivazione, non apparve tuttavia che nel sec. XIII, quando nella regione prosperarono ricchi comuni dominati da potenti feudatari, soprattutto ecclesiastici. Invasa dagli Inglesi durante la guerra dei Cent'anni, passò, col Trattato di Arras (1435), ai Borgognoni, ma, poco dopo (1477), fu annessa alla corona di Francia da Luigi XI. Regione di frontiera, fu teatro degli scontri tra Francia e Spagna nei sec. XVI e XVII, così come delle invasioni tedesche nella prima e seconda guerra mondiale.