Questo sito contribuisce alla audience di

Pierrot Lunaire

raccolta di “tre volte sette poesie dal Pierrot Lunaire di A. Giraud” composta da A. Schönberg nel 1912 per voce (trattata con la tecnica dello Sprechgesang) e otto strumenti (cinque esecutori). I testi furono musicati da Schönberg nella traduzione tedesca (per certi aspetti rifacimento preferibile all'originale) di O. E. Hartleben: l'immagine romantica di Pierrot, eroe malinconico e triste, è deformata in smorfie, proiettata in immagini ora grottesche ora ironiche, in visioni allucinate, grazie alla vocalità estraniata dello Sprechgesang e alle straordinarie invenzioni strumentali che lo accompagnano. Il Pierrot Lunaire è uno dei più noti e alti capolavori di Schönberg. § Una creazione coreografica dallo stesso titolo è stata composta da Glen Tetley sulla partitura di Schönberg (scene e costumi di Ter-Arutunian, rappresentata a New York il 5 maggio 1962) e figura nel repertorio di molte compagnie fra le quali il Nederlands Dans-Theater, il Balletto Reale Danese, il Balletto di Stoccarda.