Questo sito contribuisce alla audience di

Pietrapàola

comune in provincia di Cosenza (135 km), 375 m s.m., 52,18 km², 1238 ab. (pietrapaolesi), patrono: san Domenico( 4 agosto).

Centro situato alla destra del fiume Trionto, lungo un pendio roccioso. Citato per la prima volta nel 1276, fu sottoposto a diversi feudatari tra i quali i Mandatoriccio e i Sambiase; prospero per l'allevamento di pregiate razze bovine ed equine, fu distrutto nel 1644 dai corsari turchi. § La produzione agricola riguarda soprattutto olive e cereali; è praticato l'allevamento (bovini, ovini). § A poca distanza dall'abitato si trova la poderosa “Muraglia di Annibale”, il resto di una cinta muraria in grossi blocchi squadrati lungo 450 m, con il basamento di una torre quadrangolare posta a vedetta della costa. I reperti hanno consentito di datare il complesso al sec. III a. C. Sul monte Orgia si trovano numerose grotte utilizzate in passato come necropoli.

Media


Non sono presenti media correlati