Questo sito contribuisce alla audience di

Pignòtti, Lorènzo

favolista e letterato italiano (Figline 1739-Pisa 1812). Laureatosi in medicina, coltivò anche la fisica, che insegnò nell'Accademia della Nobiltà a Firenze e poi nell'Università di Pisa. Come letterato fu aperto alle suggestioni preromantiche, come testimonia il poemetto La tomba di Shakespeare (1779), ricco di echi ossianeschi e younghiani, e all'influsso di A. Pope, cui dedicò L'ombra di Pope (1781) e che imitò nel poema eroicomico La treccia rubata (1808), dove si deride l'abitudine femminile di donare i capelli. La fama di Pignotti è affidata alle Favole e novelle (1782), che per la sapida arguzia delle situazioni, le immagini estrose e soprattutto la chiarezza toscana dello stile fanno di lui uno dei migliori favolisti del Settecento. Postumi furono pubblicati il poemetto Il bastone miracoloso e la Storia della Toscana sino al principato.