Questo sito contribuisce alla audience di

Pio di Carpi, Albèrto

letterato ed erudito italiano (1475-1550), membro della nobile famiglia dei Pio di Carpi. Fu uno degli uomini più colti e dotti del suo tempo, amante delle arti, autore di una raccolta di codici greci e imperiali: privato per breve tempo dai Francesi del suo dominio per aver preso parte alla formazione della Lega di Cambrai (1508), divenuto poi filofrancese in seguito all'occupazione di Carpi fatta da Prospero Colonna per ordine di Carlo V, fu ambasciatore di Francesco I. Dei tre rami in cui si divise la famiglia, Albertino, Gibertino e Galassino, solo quest'ultimo durò fino ai nostri giorni, dando numerosi patrioti al nostro Risorgimento, come Luigi, Ercole, Giberto e Manfredotto.