Questo sito contribuisce alla audience di

Pisanèlli, Giusèppe

uomo politico italiano (Tricase, Lecce, 1812-Napoli 1879). Avvocato, deputato al Parlamento napoletano (1848), all'avvento della reazione fu costretto all'esilio e condannato a morte in contumacia (1852) per i fatti del 15 maggio. Rifugiatosi a Londra, a Parigi e infine a Torino, si dedicò a studi giuridici. Nel 1860 ritornò a Napoli e fu per tre settimane ministro della Giustizia. Deputato dal 1861 al 1874, fu ministro di Grazia e Giustizia con Farini e Minghetti (1862-64) e in tale qualità sovrintese alla redazione dei Codici Civili e di Procedura che furono però pubblicati nel 1865, quando non era ormai più ministro. Tra le sue opere si ricordano: Sulla pena di morte (1862), Dell'istituzione dei giurati in Italia (1868), Dei progressi del diritto civile in Italia nel sec. XIX (1872), Della Corte di Cassazione (1875).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti