Questo sito contribuisce alla audience di

Plath, Sylvia

poetessa statunitense (Boston 1932-Londra 1963). Stabilitasi in Inghilterra nel 1956 in seguito al matrimonio con il poeta Ted Hughes, ebbe vita molto infelice e morì suicida. Nei suoi versi trattò, con intensità sconvolgente ma sempre con grande delicatezza e controllo tecnico, di esperienze personali patologicamente angosciate e dolorose. Pubblicò in vita il volume The Colossus (1960) e il romanzo The Bell Jar (1963; La campana di vetro). Postumi apparvero le raccolte di versi Ariel (1965), Crossing the Water (1971; Traversando l'acqua) e Winter Trees (1971; Alberi d'inverno), un volume di corrispondenza, Letters Home (1976; trad. it. Lettere alla madre), e uno miscellaneo di saggistica e narrativa, Johnny Panic and the Bible of Dreams (1977; Johnny Panic e la bibbia dei sogni).

Collegamenti