Questo sito contribuisce alla audience di

Podòlia

Guarda l'indice

Generalità

Regione dell'Ucraina, estesa alla sinistra del fiume Dnestr e comprendente l'alto bacino del fiume Bug Meridionale. Detta anche Ripiano Podolico, è costituita da un altopiano granitico ricoperto di loess e profondamente inciso dalle valli dei due fiumi. I centri principali sono Leopoli, Hmelnicki, Vinnica e Kamenec Podolski. In russo, Podolja; in polacco, Podole.

Storia

Abitata da Ruteni e divisa in vari principati gravitanti intorno a Kijev, la Podolia subì nel Medioevo invasioni di popolazioni nomadi: fra queste i Tartari, che la tennero sino alla metà del sec. XIV quando il principe lituano Olgierd (o Algirdas) la conquistò. La parte orientale rimase soggetta alla Lituania, quella occidentale divenne feudo di signori polacchi e poi voivodato. Riunitesi le due parti (1569) sotto lo scettro polacco, la regione vide crescere popolazione e ricchezze. Cadde poi (1672) in mano ai Turchi; ritornò alla Polonia (1699) per finire, al tempo delle spartizioni, in parte alla Russia e in parte all'Austria. La Podolia occidentale, già austriaca, divenne polacca nel 1918; ma dopo la seconda guerra mondiale l'intera regione fu riunita all'URSS nell'ambito della Repubblica d'Ucraina, divenuta Stato sovrano nel 1991.

Media


Non sono presenti media correlati