Questo sito contribuisce alla audience di

Pollock, Jackson Paul

pittore statunitense (Cody, Wyoming, 1912-Long Island 1956). Studiò pittura e scultura prima presso la Manual Arts High School di Los Angeles (1925-29), poi all'Art Students' League di New York (1929-31) dove insegnava T. Benton. Componenti essenziali della sua pittura, che iniziò la grande stagione della nuova arte americana (la cosiddetta stagione eroica dell'Action Painting), sono l'espressionismo della pittura murale messicana (Siqueiros e Orozco), la pittura di Picasso dopo il 1937, la scrittura automatica surrealista assimilata tramite l'amico Motherwell (Miró, Matta). L'opera di Pollock, dopo la sua personale nel 1943 alla galleria di Peggy Guggenheim, "Art of This Century", si definì e si svolse nell'arco del decennio 1946-56, nel corso del quale l'artista condusse a fondo le sue esperienze rivoluzionarie per affermare il valore assoluto dell'azione creativa. La “pittura d'azione” di Pollock, espressione estrema dell'astrattismo scaturita da un'inconsueta libertà di linguaggio, al suo apparire in Europa verso il 1950 ebbe influenze determinanti sul corso dell'arte non figurativa. Gli inusuali mezzi tecnici applicati da Pollock (dripping painting, cioè colate, gocciolature di colore sulla tela) se da un lato dimostrano l'interpretazione e lo sfruttamento tutto personale della scrittura ereditata dal surrealismo, dall'altro rivelano proprio nel viluppo di arabeschi una precisa discendenza dal figurativo, in particolare modo da quello picassiano di Guernica. Pollock dimostrò come il mezzo espressivo potesse trasformare e distruggere tutto, proprio per valorizzare la forza dell'atto creativo dell'artista. Tra le opere del caposcuola dell'Action Painting (che ha tuttavia immediati antefatti nei dipinti gocciolati o colati realizzati dal tedesco Hans Hofmann già nel 1940) si ricordano: Sentieri ondulati (1947, Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna), Numero 1 (1948, New York, Museum of Modern Art), One n. 31 (1950, New York, Museum of Modern Art), Grigiore sull'oceano (1953, New York, Solomon R. Guggenheim Museum), Pali azzurri (1953, New York, collezione privata).

Bibliografia

F. O'Hara, Jackson Pollock, New York, 1959; B. Robertson, Jackson Pollock, New York, 1960; I. Tomassoni, Pollock, Firenze, 1968; A. Busignani, Jackson Pollock, Firenze, 1970; B. H. Friedman, J. Pollock. Energy Made Visible, New York, 1972.