Questo sito contribuisce alla audience di

Pontassiève

comune in provincia di Firenze (18 km), 108 m s.m., 114,44 km², 20.610 ab. (pontassievesi), patrono: san Michele (29 settembre).

Centro del Valdarno Superiore, situato alla destra del fiume Sieve, presso la confluenza con l'Arno. Nel Medioevo appartenne ai da Filicaia, alla mensa vescovile di Firenze (1207) e infine alla Repubblica fiorentina (sec. XIV). Fu fortificato sul finire del sec. XIV e sotto i Medici vi fu costruito il ponte sul Sieve che diede il nome alla località. Per la sua importanza come nodo ferroviario durante la seconda guerra mondiale fu pesantemente bombardato.§ Il nucleo storico conserva la torre dell'Orologio e la porta Fiorentina, facenti parte delle mura medievali, ora distrutte. Fuori dell'abitato è da segnalare il monastero di Santa Maria di Rosano, fondato nel sec. VIII, rifatto nel XII e alterato nei secoli successivi: la sua chiesa ha un campanile romanico e una cripta forse anteriore al Mille.§ Fiorente è l'industria, attiva nei settori delle pelletterie, calzaturiero, dell'abbigliamento, meccanico (officine ferroviarie), del vetro, dei materiali da costruzione ed enologico. L'agricoltura fornisce uva da vino (rinomato chianti Putto), olive e cereali.

Media


Non sono presenti media correlati