Questo sito contribuisce alla audience di

Pozzòlo Formigaro

comune in provincia di Alessandria (20 km), 171 m s.m., 35,59 km², 4771 ab. (pozzolesi), patrono: san Sebastiano (20 gennaio).

Centro della pianura a N di Novi Ligure, situato alla sinistra del torrente Scrivia. Ricordato dal sec. XII come Pozollo (o Pozolo), fu castello dei marchesi del Bosco; nel 1210 passò a Tortona, che diede agli abitanti l'autonomia comunale. Entrò quindi nei domini viscontei e, durante le lotte tra Milano e i marchesi del Monferrato, fu assediato e conquistato, per conto di Milano, da Bartolomeo Colleoni. In seguito fu infeudato a diversi signori.§ Nella piazza principale sorge il castello visconteo del sec. XV, poi modificato nel sec. XIX, sede municipale. La chiesa di San Sebastiano presso il cimitero, di origine romanica ma poi ampliata, conserva frammenti di affreschi di scuola tortonese dei sec. XV-XVI; la parrocchiale di San Martino fu ricostruita agli inizi del Novecento.§ Molto sviluppata è l'agricoltura, con coltivazioni di cereali, barbabietole, ortaggi e foraggi; si praticano l'allevamento e il florovivaismo. L'industria è attiva nei settori chimico (materie plastiche, coloranti), meccanico (profilati metallici, macchine utensili), alimentare, illuminotecnico e della lavorazione del legno; di rilievo è il settore logistico.

Media


Non sono presenti media correlati