Questo sito contribuisce alla audience di

Pralórmo

comune in provincia di Torino (33 km), 303 m s.m., 29,80 km², 1801 ab. (pralormesi), patrono: san Donato (7 agosto).

Centro situato sulle estreme propaggini occidentali del Monferrato. L'abitato sorge in parte su uno sperone collinare, in parte sulla riva destra del torrente Rioverde. Nel sec. XIV appartenne ai Gorzani; passò poi a varie famiglie, fra cui ai Beraudo di Nizza.§ Dell'età medievale si conservano il castello Beraudo (con aggiunte ottocentesche) e una torre di segnalazione, forse duecentesca. La parrocchiale dei Santi Giacomo e Donato (1931-32) custodisce nell'abside un trittico cinquecentesco di Jacopino Longo. Presso la sponda del lago sorge il santuario della Madonna della Spina, ricostruito nel 1756.§ Accanto a una fiorente agricoltura (cereali, legumi, uva e asparagi) e all'allevamento bovino, l'industria opera nei settori elettromeccanico, chimico (vernici), alimentare e del legno. Sulle rive del lago della Spina è molto praticata la pesca.§ Il parco del castello, aperto al pubblico nel 2000, è stato trasformato in un grande giardino con coltivazione di fiori a rotazione e con spazi per eventi culturali: ogni anno in aprile si tiene “Messer Tulipano”, mostra di varietà rare e pregiate di tulipani, abbinata a manifestazioni letterarie e folcloristiche.

Media


Non sono presenti media correlati