Questo sito contribuisce alla audience di

Priapo

(greco Príapos; latino Priāpus), dio della città asiatica di Lampsaco, il cui culto ebbe grande diffusione nel mondo ellenistico-romano. Lo si può considerare una personificazione del fallo (era rappresentato come una figura itifallica) e del connesso simbolismo che andava dalla fecondità a una generica funzione apotropaica (specificamente contro il “malocchio”). Nel mito appariva come figlio di Afrodite e di Dioniso o di Adone o di altri dei. Faceva parte del corteggio di Dioniso ed era venerato soprattutto come protettore di orti, giardini e vigne, vale a dire della coltivazione non cerealicola. In questi termini il suo campo d'azione poteva essere contrapposto a quello della dea Demetra, così come la sua ipersessualità si contrapponeva alla castità della dea.

Media


Non sono presenti media correlati