Questo sito contribuisce alla audience di

Prince

pseudonimo del cantante, polistrumentista, compositore e arrangiatore statunitense Prince Roger Nelson (Minneapolis 1958, Chanhassen 2016). Capace di fondere in sapienti alchimie la lezione del funk e della black music con i ritmi del rock e della dance music, impose un nuovo modo di fare musica e, soprattutto, dimostrò una straordinaria capacità creativa. Dopo due album più che discreti, nel 1980 pubblica Dirty Mind, il primo significativo saggio delle potenzialità dell'artista, confermata dai successivi Controversy (1981) e 1999 (1982). Con Purple Rain (1984) Prince si impone all'attenzione della critica e del pubblico di tutto il mondo. Con il successivo disco cambia completamente strada, operando una scelta che caratterizzerà spesso il suo percorso artistico; il risultato è Around the World in a Day (1985), un album che, forse per l'essere troppo diverso e innovativo rispetto a quelli che lo hanno preceduto, non ripete il successo di Purple Rain. Il 1986 è l'anno di Parade, uno dei lavori più sofisticati e ambiziosi di Prince che contiene alcuni dei suoi brani più belli e prelude a Sign O’ the Times (1987), un doppio album che testimonia di uno dei momenti di più felice ispirazione dell'artista. Dopo Lovesexy (1988), Prince realizza la colonna sonora di Batman (1989) di T. Burton e nel 1991 decide di dare vita alla New Power Generation, una band della quale chiama a far parte un gruppo di musicisti di prim'ordine che divengono suoi collaboratori fissi. Nello stesso anno pubblica Diamonds and Pearls e, nel 1992, il disco che viene convenzionalmente indicato come il Love Symbol Album. Prince nello stesso anno decide di rinunciare al proprio nome, sostituendolo con un simbolo grafico simile a un geroglifico, e di cambiare casa discografica, che nel frattempo pubblica The Black Album (1994), un disco registrato in realtà nel 1987, The Gold Experience (1995) e Chaos & Disorder (1996). Nel 1996, la disputa si conclude e Prince, libero di gestirsi, pubblica un nuovo lavoro, che non a caso sceglie di intitolare Emancipation. Abbandonate le tematiche sessuali trasgressive, nel 1999 pubblica l'album Rave un2 the Joy Fantastic, un inno all'anima, all'amore e a Dio.Nel 2004 è uscito Musicology, album che riunisce i diversi stili con cui l'artista si è espresso nel corso della sua carriera e nel 2006 ha pubblicato 3121.

Media


Non sono presenti media correlati