Questo sito contribuisce alla audience di

Quart

comune della Valle d'Aosta (8 km da Aosta), 535 m s.m., 62,26 km², 3103 ab. (quarteins), patrono: santa Barbara (4 dicembre).

Centro esteso dell'alta valle sul versante sinistro della Dora Baltea; sede comunale è Villefranche. Situato lungo la strada romana delle Gallie, Ad Quartum Lapidem appartenne nel Medioevo alla potente famiglia dei signori di Quart. Nel 1378 passò sotto il controllo dei Savoia. Dal 1929 al 1946 si chiamò Quarto Praetoria.§ L'imponente castello sorge in posizione isolata su uno sperone roccioso dominante la conca di Aosta; consiste in un insieme di costruzioni di varie epoche edificate sulla fabbrica originaria del 1185 con al centro l'edificio a pianta quadrata identificabile con l'originario dongione.§ L'economia si basa sull'agricoltura (cereali, ortaggi, frutta, foraggi), l'allevamento bovino, cui si collega una vivace produzione lattiero-casearia (fontina), l'attività estrattiva (marmi, graniti, minerali industriali) e l'industria, attiva nei settori enologico (distillazione di liquori), editoriale-poligrafico, chimico, meccanico, edile, dell'abbigliamento (articoli sportivi) e dei materiali da costruzione. Presente inoltre l'artigianato del legno (scultura in bassorilievo e a tutto tondo). Rilevante l'attività turistica: Quart è base di escursioni sul monte Emilius.§ In località Vollein è la necropoli eneolitica (2750-2400 a. C.) scoperta nel 1968 tra imponenti roccioni; vi sono state ritrovate, tra gli altri materiali, ceramiche a scanalatura correlabili con analoghi manufatti dell'Italia meridionale.

Media


Non sono presenti media correlati