Questo sito contribuisce alla audience di

Quiñones de Benavente, Luis

autore teatrale spagnolo (Toledo forse 1589-Madrid 1651). Sacerdote e amico di Lope de Vega, compose moltissimi entremeses (pare ca. 900), ma ne pubblicò soltanto 48, col titolo barocco di Jocosería, Burlas veras o reprensión moral y festiva de los desórdenes públicos (1645), e 142 riuscì a identificarne Cotarelo y Mori nel 1911. Riprendendo e portando al massimo sviluppo il paso cinquecentesco di Lope de Rueda (derivato a sua volta dai lazzi della Commedia dell'Arte), Quiñones de Benavente ne fece un genere autonomo e originale, portando sulle scene, con inesauribile vis comica, tipi e macchiette, costumi e pregiudizi del suo tempo, dimentico spesso, fortunatamente, del moralistico proposito di castigare ridendo mores. Si tratta di farsette brevi e senza pretese, ma in molti casi tuttora godibili.

Media


Non sono presenti media correlati