Questo sito contribuisce alla audience di

Rèa Sìlvia

(latino Rea Silvía), mitica madre di Romolo e Remo, secondo la tradizione romana. Nella versione più nota figura come figlia di Numitore re di Alba Longa. Numitore viene spodestato dal fratello Amulio; questi costringe Rea Silvia alla verginità, facendone una vestale, per timore che suoi eventuali figli rivendichino il trono. Ma Rea Silvia si unisce al dio Marte e ne ha i due gemelli Romolo e Remo. Amulio fa esporre i due gemelli e ne uccide (o imprigiona) la madre. Una versione parla della trasformazione di Rea Silvia in dea. Altro nome di Rea Silvia è Ilia: si tratta della grecizzazione di Silvia, ma il nome fu accettato come derivato da Ilion (Troia) quando si vollero sostenere le origini troiane di Roma. § Compare nelle scene relative alle origini di Roma del ciclo pittorico dell'Esquilino (sec. I a. C., Roma, Museo Nazionale Romano) e nell'Ara Casali dei Musei Vaticani; il suo incontro con Marte è anche in rilievi, pitture, mosaici, sarcofagi, gemme, monete.

Media


Non sono presenti media correlati