Questo sito contribuisce alla audience di

Ròcca Prióra

comune in provincia di Roma (30 km), 768 m s.m., 28,07 km², 10.002 ab. (roccaprioresi), patrono: san Rocco (16 agosto).

Centro dei Colli Albani. L'origine sembra legata alla città latina di Corbium, distrutta dai romani nel sec. V a. C. In età medievale (Arx Priorum), sotto gli Annibaldi, accolse i profughi di Tuscolo; successivamente, tra i sec. XIV e XVI, passò dai Savelli alla Camera Apostolica. ⿿ L'abitato conserva il nucleo medievale, con tracce di fortificazioni, di mura antiche e la rocca costruita dai Savelli (sec. XIV-XV) e divenuta in seguito grandioso palazzo baronale e sede del comune. La parrocchiale dell'Assunta, eretta nel sec. XV, fu poi modificata.⿿ È località di villeggiatura estiva, con molte manifestazioni, tra cui la “Sagra del Narciso‿, in maggio; completano il quadro economico l'agricoltura, l'allevamento (ovino, bovino ed equino) e l'attività industriale nei settori edile, meccanico, degli imballaggi, degli infissi e della lavorazione del legno.

Media


Non sono presenti media correlati