Questo sito contribuisce alla audience di

Ròcco e i suòi fratèlli

film italiano (1960) di Luchino Visconti. Dopo La dolce vita di Fellini, fu per il cinema nazionale un altro clamoroso affresco: un melodramma fuso col neorealismo, che dalle premesse sociali (l'immigrazione interna dalla Lucania a Milano, dal sottosviluppo al boom) assurgeva a tragedia greca attraverso le sconfitte dei tre protagonisti, attenuate tuttavia dalla presa di coscienza della famiglia nei suoi esponenti più giovani. Padroneggiando e coagulando in un fervido cineromanzo molteplici influssi letterari (dal Dostoevskij dell'Idiota al Th. Mann di Giuseppe e i suoi fratelli, dal meridionalismo verghiano al lombardismo del Ponte della Ghisolfa di G. Testori), il regista ottenne uno spettacolo popolare mantenendosi coerente alla propria poetica dell'umano.

Media


Non sono presenti media correlati