Questo sito contribuisce alla audience di

Róssi, Franco

regista cinematografico e televisivo italiano (Firenze 1919-Roma 2000). Proveniente dalla regia radiofonica e dal doppiaggio e, occasionalmente, anche regista teatrale (I coccodrilli di G. Rocca, 1956), esordì con film commerciali (il più vivace fu Il seduttore, 1954), ma realizzò con Amici per la pelle (1955) un insolitamente delicato studio di psicologia infantile, cui si ricollegò, alzando l'età dei personaggi, in Morte di un amico (1959), forte ritratto di due “ragazzi di vita” su soggetto di Pasolini. Con Odissea nuda (1961), che sembrò assicurargli un duraturo successo, affrontò la crisi di un intellettuale che evade nei mari del Sud, mentre in Smog (1962) proseguì a Los Angeles l'esame d'una perdita di valori. Dopo altri contributi al cinema, però disimpegnati, nel 1967-68 traspose in televisione l'Odissea e successivamente l'Eneide (1971), inserendo tra i due lavori una riduzione per il grande schermo del romanzo di L. PretiGiovinezza giovinezza (1970). Tornato al film di intrattenimento (Porgi l'altra guancia, 1974; Come una rosa al naso, 1976), ha poi lavorato per la televisione con Storia d'amore e di amicizia (1982), Quo vadis? (1985), Un bambino di nome Gesù (1987), Un bambino di nome Gesù-Il mistero (1988), Un bambino di nome Gesù-L'attesa (1989), e Michele va alla guerra (1993).

Media


Non sono presenti media correlati