Questo sito contribuisce alla audience di

Rósso Fiorentino, Giovanni Battista di Iàcopo, detto il-

pittore italiano (Firenze 1495-Fontainebleau 1540). Formatosi nella bottega di Andrea del Sarto, dove fu anche il coetaneo Pontormo, mostrò una personalità autonoma e originale fin dalla prima opera sicura, l'Assunzione affrescata nel chiostro della SS. Annunziata (1517), affollata composizione ricca di spunti di un realismo che giunge talora alla caricatura. Spirito aggressivo e iconoclasta, diversamente dal meditativo e introverso Pontormo, il Rosso Fiorentino dette nelle opere successive un contributo fondamentale al momento più ricco e inquietante del manierismo fiorentino: dalla macabra, demoniaca evocazione del celebre disegno degli Scheletri (1517, Firenze, Uffizi), di evidente influsso nordico, alla pala con Madonna e Santi per S. Maria Nuova (1518, Firenze, Uffizi), di cui Vasari sottolineò acutamente le “arie crudeli e disperate” delle figure, alla Deposizione (1521, Volterra, Pinacoteca comunale), intellettualistico capolavoro di esasperata tensione formale, al pezzo di bravura del Mosè e le figlie di Ietro (1523, Firenze, Uffizi), eccezionale esercitazione su temi michelangioleschi, dissacrati con estrema acutezza di stile. Opere altrettanto originali e inquietanti non si ritrovano più nella successiva attività del Rosso Fiorentino, operoso a Roma (1524-27), a Sansepolcro, a Venezia e infine in Francia (1530), come pittore di corte di Francesco I. Nei lavori alla reggia di Fontainebleau, condotti in collaborazione con Primaticcio (padiglione di Pomona, 1532-35; galleria di Francesco I, 1534-37), l'estro eversivo della prima fase del Rosso Fiorentino lascia il posto a un'eleganza sottile e cortigiana, ma sempre sostenuta da un alto magistero stilistico, come rivelano anche i numerosi disegni coevi. Un tono più grave e contenuto distingue i dipinti tardi, come la Pietà (1537-40, Parigi, Louvre). La notizia della morte per suicidio, riportata da Vasari, ultimo tocco a una “esemplare” vita di manierista, è da considerare pura leggenda.

Media

Giovanni Battista di Jacopo detto il Rosso Fiorentino.