Questo sito contribuisce alla audience di

Raccónti straordinari

titolo generalmente dato in Italia ai racconti di E. A. Poe, pubblicati su diverse riviste e raccolti originariamente nei due volumi Tales of the Grotesque and Arabesque (1840) e Tales (1845), e divenuti subito noti in Europa grazie alle traduzioni di Baudelaire, intitolate appunto Histoires Extraordinaires (1856), Nouvelles Histoires Extraordinaires (1857) e Histoires Grotesques et Sérieuses (1865). Da un punto di vista tematico, i racconti di Poe possono distinguersi in alcuni gruppi. Un primo gruppo, piuttosto limitato, comprende i cosiddetti racconti del “mistero” (The Purloined Letter, La lettera rubata; The Gold Bug, Lo scarabeo d'oro; The Mystery of Marie Roget; The Murders in the Rue Morgue, I delitti della rue Morgue), grazie ai quali Poe è considerato uno dei precursori del racconto poliziesco. Un secondo gruppo, più numeroso, comprende invece i racconti del terrore e dell'incubo, dove i temi più tipici di Poe (seppellimenti prematuri, reincarnazioni, mesmerismo, comunicazioni con l'oltretomba, personaggi monomaniaci, ecc.) emergono con estrema chiarezza. Vi appartengono quasi tutti i più noti racconti di Poe, da Ligeia a Morella, da The Fall of the House of Usher (Il crollo della casa degli Usher) a The Black Cat (Il gatto nero), ecc. In altri racconti ancora, come The Assignation (L'appuntamento) o The Oval Portrait è invece in primo piano il problema dell'arte, sempre legato però a un altro tipico motivo, quello della morte della donna bella. Temi analoghi ritornano anche, sia pure in diversa prospettiva, nei racconti con più precise ambizioni filosofiche (Monos and Una ed Eiros and Charmion) o scientifiche (A Descent into the Maelstrom, Una discesa nel Maelstrom, e The Adventures of One Hans Pfaal). Un posto a parte hanno infine i racconti “grotteschi”, dove il tono ironico e a volte addirittura burlesco non impedisce a Poe una riproposta fondamentalmente malinconica dei suoi temi consueti (The Spectacles, Gli occhiali, e The Duc de l'Omelette).

Media


Non sono presenti media correlati