Questo sito contribuisce alla audience di

Raleigh, sir Walter

esploratore e scrittore inglese (Hayes Barton ca. 1552-Londra 1618). Nativo del Devon ed educato a Oxford, fu una delle maggiori incarnazioni dell'ideale del gentleman elisabettiano, soldato, cortigiano e uomo di cultura. Tra il 1569 e il 1578 combatté in Francia a fianco degli ugonotti e quindi fu in Irlanda, dove strinse amicizia con il poeta E. Spenser, e alla corte di Elisabetta I. Riuscì a conquistare il favore della regina (ma nel 1592 cadde in disgrazia per avere sposato una delle sue dame di compagnia), che lo nominò viceammiraglio e capitano della sua guardia del corpo. Nel 1584 fu inviato nell'America Settentrionale con l'autorizzazione speciale a colonizzare i territori compresi tra i 35º e i 45º di latitudine N. Sbarcato a capo Hatteras, prese possesso della regione costiera compresa tra i possedimenti francesi a N e quelli spagnoli a S, chiamandola “Virginia” in onore di Elisabetta, detta la “Regina Vergine”. Tornato in patria, riprese l'attività marinara nel 1595 esplorando le coste sudamericane alla ricerca del favoloso Eldorado: dopo aver occupato l'isola di Trinidad, risalì il corso dell'Orinoco per ca. 500 km. Nel 1603 fu imprigionato nella Torre di Londra sotto l'accusa di avere complottato contro il re Giacomo I. Rimase in carcere fino al 1616, quando gli fu affidato il comando di una spedizione alla ricerca di terre aurifere nella Guayana. Il viaggio fu un insuccesso e si concluse con il saccheggio di alcune colonie spagnole. Ciò suscitò le ire di Giacomo I (allora in pace con la Spagna) e al suo ritorno in patria Raleigh fu decapitato. Raleigh fu il principale iniziatore dell'espansione coloniale dell'Inghilterra e una delle figure più eminenti e rappresentative dell'età elisabettiana. Uomo di grande intelletto, fu anche autore di pregevoli opere in versi e prosa e di saggi storici, politici e geografici. Della sua produzione poetica rimangono una trentina di composizioni, tra cui spicca il frammento dell'elegia Cynthia, Lady of the Sea (Cinzia, signora del mare), in onore di Elisabetta. Le sue opere in prosa includono il primo volume di una didascalica History of the World (1614; Storia del mondo) e i semplici, ma avvincenti, resoconti delle sue esperienze A Report of the Truth of the Fight about the Isles of the Azores (1591; Relazione veritiera del combattimento presso le Isole Azzorre) e The Discovery of the Empyre of Guiana (1596).

Media


Non sono presenti media correlati