Questo sito contribuisce alla audience di

Rapino

comune in provincia di Chieti (26 km), 420 m s.m., 20,22 km², 1433 ab. (rapinesi), patrono: san Lorenzo (10 agosto).

Centro posto nell'alto bacino del fiume Foro, sul versante settentrionale della Maiella, nel cui parco nazionale è compreso. Popolato già nel Paleolitico superiore e medio, il territorio fu sede della città di Touta Marouca, capitale dei Marrucini (prima che fosse spostata a Teate Marrucinorum, l'odierna Chieti). Più tardi vi sorse e fiorì il convento di San Salvatore a Maiella, particolarmente importante durante il Medioevo e attivo fino al Cinquecento. Fu a lungo feudo dei Colonna. La chiesa di Sant'Antonio ha un portale di epoca romanica.§ La piccola industria opera nei settori edile, della ceramica e della porcellana (tradizione artigianale antica nel paese) e delle fibre di vetro. L'agricoltura produce cereali, uva da vino, olive, ortaggi, frutta e foraggi per l'allevamento ovino e bovino. Altre risorse provengono dal turismo.§ L'8 maggio, in onore della Madonna di Carpineto, ha luogo la Festa delle Verginelle, dove bambini (che impersonano gli angeli) e bambine sfilano in processione vestiti di bianco e coperti di monili d'oro. Nei dintorni è la grotta del Colle, una cavità naturale dove è ancora attivo il fenomeno dello stillicidio delle acque, cui si deve la formazione di numerose stalattiti.

Media


Non sono presenti media correlati