Questo sito contribuisce alla audience di

Rashomon

film giapponese (1950) di Akira Kurosawa. Un fatto di cronaca nera del profondo Medioevo feudale è fuso con una ricerca di verità, scandita sul relativismo pirandelliano (del fatto si danno quattro versioni) e su una musica di bolero. L'uso magistrale della tecnica del flash back, la violenza stilistica, la recitazione concertata e avviluppante (Masayuki Mori, Machikō Kyō, Toshirō Mifune), per un “giallo” allusivo alle condizioni del Giappone moderno frustrato dalla sconfitta, richiamarono l'attenzione dell'Occidente su una cinematografia quasi sconosciuta (il film vinse il Leone d'oro alla Mostra di Venezia nel 1951).

Media


Non sono presenti media correlati