Questo sito contribuisce alla audience di

Ravèra, Camilla

donna politica italiana (Acqui Terme 1889-Roma 1988). Militante socialista dal 1919, dopo la scissione di Livorno (1921) aderì al Partito comunista. Di grande temperamento politico, partecipò al IV e VI Congresso dell'Internazionale comunista e nel 1928 entrò nel segretariato di quell'organizzazione. Arrestata nel 1930 e condannata dal tribunale speciale a oltre 15 anni, ne scontò cinque di reclusione e otto di confino. Durante l'internamento la Ravera entrò in rotta di collisione con il partito tanto che ne fu espulsa e solo a guerra finita vi fu riammessa da Togliatti riprendendo a svolgervi un ruolo di direzione. Nel 1982 fu nominata senatrice a vita, prima donna della Repubblica insignita di tale riconoscimento.

Media


Non sono presenti media correlati