Questo sito contribuisce alla audience di

Renaudet, Auguste o Augustin

storico francese (Parigi 1880-1958). Primo direttore dell'Institut de France (1908), professore di storia moderna a Bordeaux (1919-37), alla Sorbona (1937-46); infine all'École des Hautes Ètudes (1942-51) e al Collège de France (1946-51), socio straniero dei Lincei dal 1957, è stato uno dei massimi studiosi della civiltà europea tra Umanesimo e Riforma. Tra i suoi studi maggiori sono da ricordare: Jean Standonck (1908, nuova edizione 1958), Les sources de l'histoire de France aux archives d'État de Florence des guerres d'Italie à la Révolution 1494-1789 (1916; Le fonti della storia di Francia presso gli archivi di Stato di Firenze dalle guerre d'Italia alla Rivoluzione, 1494-1789), Préreforme et humanisme à Paris (1916, nuova edizione 1953; Preriforma e Umanesimo a Parigi), Le Concile gallican de Pise-Milan, Documents florentins, 1510-12 (1922; Il Concilio gallicano di Pisa-Milano, Documenti fiorentini), i due volumi in collaborazione con H. Hauser su Les débuts de l'âge moderne nella collana Peuples et civilisations (1929, trad. it. L'età del Rinascimento e della Riforma), i numerosi studi su Erasmo tra cui Études érasmiennes (1939; Studi erasmiani) ed Erasme et l'Italie (1954; Erasmo e l'Italia), quelli sul Machiavelli (Machiavel, 1942, nuova edizione 1952) e su Dante (1952) oltre al conclusivo Humanisme et Renaissance (1958; Umanesimo e Rinascimento).

Media


Non sono presenti media correlati