Questo sito contribuisce alla audience di

Renault

(Régie nationale des usines), industria automobilistica francese sorta nel 1899 a Billancourt (presso Parigi), a opera di Louis Renault per la costruzione di vetture di piccola cilindrata, il cui primo esemplare risaliva all'anno precedente. La fabbrica si sviluppò rapidamente ponendosi all'avanguardia del settore automobilistico francese. Alle auto si aggiunsero poi veicoli industriali, motori industriali, marini e aerei, trattori. Nel 1945 la Renault venne nazionalizzata assumendo l'attuale ragione sociale. La ristrutturazione aziendale permise l'attuazione di metodi di lavoro avanzati e di nuove tecniche. Alcuni modelli di utilitarie – come la 4 CV (a trazione posteriore), la Dauphine e, in seguito, i modelli della serie “R” – ottennero un così grande successo commerciale che contribuirono largamente alla motorizzazione francese ed europea. La gamma produttiva si è ulteriormente estesa comprendendo macchine agricole, autocarri, motori industriali, macchine utensili, materiale ferroviario e fonderie per acciai speciali. La Renault è presente sui mercati esteri con propri stabilimenti in Europa, Asia, Africa, America Latina e con una rete di distribuzione rafforzata da importanti accordi commerciali. Nel 1993 il governo francese ha avviato la privatizzazione della società con la cessione del 28% del capitale. La vendita al pubblico di un'ulteriore quota nel 1995 ha portato la partecipazione dello Stato al 46% (in seguito scesa al 44%). Dopo la costituzione con la Iveco (1998) di un gruppo per la produzione di autobus, con l'obiettivo di ottenere il primato nel settore del trasporto pubblico, a partire dal 1999 la Renault ha avviato una collaborazione con la casa automobilistica giapponese Nissan per incrementare le sinergie nei settori delle acquisizioni, delle strategie di prodotto e della ricerca (obiettivo di questo accordo è stata la creazione nel 2002 della Renault-Nissan BV per sfruttare l'elevata complementarità delle localizzazioni territoriali delle due case). Sempre nel 1999 ha acquisito la totalità del capitale della Dacia, casa automobilistica rumena. Nel 2007 l'azienda ha siglato un accordo commerciale con l'indiana Mahindra per la produzione locale di auto low cost e per la realizzazione di un nuovo stabilimento in India.

Media


Non sono presenti media correlati