Questo sito contribuisce alla audience di

Rezzori, Gregor von-

scrittore austriaco (Černovcy, Bucovina, 1914-Donnini, Firenze, 1998). È una delle voci che celebrano i fasti e la rovina del mondo asburgico: la città natale, da lui ribattezzata Tschernopol, è al centro delle spassose Maghrebische Geschichten (1953; Storie magrebine), del romanzo Ein Hermelin in Tschernopol (1958; Un ermellino a Tschernopol), in cui si mescolano in un caos grottesco e vitale tutte le possibili nazionalità, e di 1001 Jahr Maghrebinien (1967; 1001 anni di Magrebinia). Tra le altre opere si segnalano: il romanzo Ödipus siegt bei Stalingrad (1954; Edipo vince a Stalingrado), ambientato nella Berlino nazista; il diario Die Toten auf ihre Plätze (1966; I morti ai loro posti); Der Tod meines Bruders Abel (1976; La morte di mio fratello Abele), imponente ricostruzione storica dalla prima guerra mondiale agli anni Sessanta; il romanzo autobiografico e autoaccusatorio Memoiren eines Antisemiten (1979; Memorie di un antisemita); Die Marchesa (1986; La marchesa); Kurze Reise übern langen Weg (1986; Brevi viaggi su lunghi tratti), l'autobiografia Greisengemurmel (1994; Mormorio di un uomo decrepito).

Media


Non sono presenti media correlati