Questo sito contribuisce alla audience di

Ricadi

comune in provincia di Vibo Valentia (26 km), 284 m s.m., 22,30 km², 4429 ab. (ricadesi), patrono: san Zaccaria (5 novembre) e san Nicola di Bari (6 dicembre).

Centro posto sul versante nordoccidentale del monte Poro, nella zona che digrada verso il capo Vaticano. Sorto in età bizantina e originariamente noto come Riadi o Rigadi, fu compreso nel feudo di Tropea, di cui seguì le vicende storiche. Fu gravemente danneggiato dal terremoto del 1783.§ In località Formicoli e Brivadi sono state scoperte necropoli d'età bizantina. Sul litorale si trovano resti di torri di avvistamento. Interessante è il Museo d'Arte Contadina, con reperti che comprendono attrezzi e utensili per la lavorazione del lino e delle fibre di ginestra.§ L'agricoltura produce agrumi, uva, olive, fichi e cereali e rilevante è la produzione delle cipolle rosse di Tropea, che sono largamente esportate e alle quali è dedicata un'importante sagra nel mese di agosto; è praticato l'allevamento di bovini, animali da cortile e lombrichi. Attività manifatturiere operano nei settori edile, dei materiali da costruzione e dell'arredamento. Grazie allo splendido litorale il paese è divenuto una frequentata meta turistica, con insediamenti residenziali e buone strutture ricettive, in particolare nella rinomata frazione di Capo Vaticano.

Media


Non sono presenti media correlati